logo

Biodea

BioDea nasce dalla passione e dalle competenze di un team di agronomi con a capo la dott.ssa Emanuela Fonti e dal know-how del gruppo toscano RM Energy Solutions. In seguito ad anni di studi ed applicazioni del metodo biodinamico e grazie ad una decennale esperienza imprenditoriale nel campo di fonti energetiche alternative e di programmi ambientali sostenibili, questa rete di soggetti ha elaborato prodotti organici e naturali innovatici per produzioni a zero residui, nel rispetto dell'ambiente e della salute umana.
Contatti
Tel. +39 0575 1785816 E-mail info@biodea.bio

Lunedì - Venerdì | 9.00 - 18.00

Via della Cornia, Civitella in Valdichiana, Arezzo

+ 39 0575 1785816

Top

L’agronomo risponde

Hai una domanda per i nostri agronomi? Scrivi a info@biodea.bio, saremo felici di risponderti!

Seguici sui social e visita il nostro canale :
Consigli sul trattamento del melo attaccato dall’afide lanigero:

L’afide lanigero del melo (Eriosoma lanigerum) è uno dei principali parassiti del melo. L’Eriosoma lanigerum sverna sotto forma di ninfa “nuda” (senza copertura di cera) sui meli trovando riparo nelle fessure e sotto la corteccia staccata. Le ninfe diventano attive verso la fine di marzo o aprile nel centro Nord dell’Italia.Verso la fine di maggio, si possono vedere grandi colonie coperte da una cospicua “lana” bianca appiccicosa, soprattutto su speroni e rami. Durante i mesi estivi si susseguono varie generazioni. Ad essere attaccati sono spesso i rimessiticci del tronco o dei rami principali. Gli afidi si propagano principalmente tramite giovani ninfe  senza ali
che strisciano o vengono soffiate dal vento da un albero all’altro. A volte in estate nascono afidi alati. A volte all’inizio dell’autunno nascono femmine che depongono uova, che tuttavia non si sviluppano.E’ fondamentale quindi utilizzare il distillato di legno BioDea a fine raccolto, dopo potatura, bagnando abbondantemente tronco e rami  in dose 1/300 e successivamente nelle dosi indicate nella scheda colturale

 

Ho un problema di cimici sul mio campo, cosa posso fare?

Gentile Dario M., la ringrazio per essersi rivolto a noi.

Le possiamo dire che a seguito dell’impiego di  uno dei nostri prodotti da parte di un nostro cliente che coltiva Kiwi, nel caso specifico il Distillato di Legno, corroborante e induttore di resistenza, ha avuto effetto anche come allontanamento delle cimici. Il suo effetto è durato circa 5 giorni, poi alcune sono ricomparse ma ripetendo il passaggio del prodotto il fenomeno di rendere sfavorevole l’ambiente per questo insetto permane per circa 14 giorni.

 

Di seguito l'esperienza di Giorgio P. che ha utilizzato il Distillato di Legno sul Pittosporo colpito da Fumaggine

Il Signor Giorgio ci ha chiesto un’indicativa di trattamento per la fumaggine e a seguito di tre cicli di trattamento con una ripetizione di 3/4 gg di 167 ml di distillato di legno in 100 litri d’acqua questi sono i risultati ottenuti:

Di seguito l'esperienza della signora Milena G. che ha utilizzato il Distillato di Legno sul finocchio colpito dal fungo sclerotinia:

La Signora Milena ci ha chiesto di intervenire contro il fungo sclerotinia che aveva colpito la sua coltivazione di finocchio e a seguito di tre cicli di trattamento con una ripetizione di 3/4 gg di 300 ml di distillato di legno in 100 litri d’acqua non solo ha verificato l’efficacia del trattamento ma la sua coltivazione è lussureggiante, di un colore più intenso, ecco una foto dei risultati ottenuti:

trattamento finocchio biodea

il signor Antonio I. racconta la sua esperienza di utilizzo del distillato di legno BIO:

Ho utilizzato il Distillato di Legno come induttore di resistenza e corroborante nella mia aziende di ortofrutta, perchè ho avuto un attacco sui peri di Psilla, con presenza di melata. Ho sconfitto la malattia con due passaggi a distanza di tre giorni. Le piante si sono ripulite e, non solo non ho perso il raccolto, ma ho avuto una evidente ripresa vegetativa. Adesso ho iniziato ad usarlo anche su basilico, zucche e pomodori con evidente attività vegetativa degli ortaggi, consentendomi di ridurre considerevolmente altri prodotti di protezione. Guarda il video delle prove in campo

esperienza del signor Sebastiano N. utilizzando un passaggio 1000lt con diluizione 1:500 di distillato di legno sulle piante di agrumi:

Ho utilizzato il distillato di legno per combattere la cocciniglia cotonosa sulle piante di agrumi in Sicilia nel mese di settembre 2019 e con un solo passaggio ho eliminato la presenza di melata dalle piante. Guarda il video della prova in campo

con quali dosi di wood vinegar consigliate il trattamento del vigneto?

L’agronomo consiglia di trattare con Wood Vinegar, in quantità di 200 ml/Ha, ogni 7/10 giorni, in base alle condizioni stagionali e per rendere sgradito l’ambiente agli insetti e parassiti nei periodi più critici.

Scarica le proposte di trattamento e i piani di concimazione BioDea per le varie colture:

SCHEDA COLTURALE VIGNETO

SCHEDA COLTURALE OLIVETO

SCHEDA COLTURALE AGRUMI